Sei Nessuno

“[…] E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all’improvviso lo avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». […]”

Questo è un passo della Bibbia sulla conversione di San Paolo, che venne folgorato sulla via di Damasco. Come San Paolo, anche io ho avuto una rivelazione di recente. Questo è un breve resoconto di come sono andate le cose.

Allo stesso modo che per Paolo, una voce è scesa su di me, l’unica differenza è che mi stavo recando in un luogo meno esotico di Damasco. E la voce non era proprio quella del Signore, o forse sì.

É successo durante la passeggiata verso il negozio di fiori più vicino, dove mi dirigevo ad acquistare una nuova pianta per il mio appartamento. Quasi sulla soglia della porta a scorrimento automatico, ho avuto la folgorazione di cui voglio parlarvi. Ma prima, devo darvi il necessario contesto.

Ho appena terminato la lettura di un libro illuminante: “ll potere di adesso” di Eckhart Tolle. Questo libro è una guida all’illuminazione spirituale, una mappa per uscire dal dolore psicologico che ci affligge. Secondo Tolle, l’unico momento che conta è l’adesso. Se smettiamo di pensare al passato e proiettarci nel futuro, non esistono paure, timori o sofferenza. Pensateci: che problemi avete in questo esatto momento? L’altra trappola dalla quale dobbiamo sfuggire è l’immedesimazione con l’ego. Ovvero, la parte pensate che, appunto, rimugina sul passato e progetta un futuro immaginario. Se smettiamo di pensare, e viviamo il presente smettiamo di soffrire. Questo è stata una lettura potente e come tutti i messaggi di questa portata richiede tempo per essere rielaborato dal cervello e sedimentarsi nella mente. Ora che vi ho dato il contesto posso passare alla mia folgorazione.

Dopo alcune settimane, questa è la mia rivelazione:

Se smettiamo di pensare smettiamo di esistere. Senza i nostri pensieri siamo il nulla, non abbiamo personalità. Senza un passato non siamo mai nati. Senza un futuro non esisteremo mai più. Senza una mente ci annulliamo e ci sottomettiamo alla morte. Siamo Nessuno. Ma se pensate che questo sia un messaggio nichilista, fatemi finire.

Quando smettiamo di esistere come individui diventiamo parte dell’essere universale. Siamo energia vitale, la stessa energia delle piante e degli altri esseri umani. Non c’è differenza tra me e te, entrambi siamo Essere puro. Tutto è parte dello stesso Universo, immutabile ma fluido. Tutto diventa unità.

Provate con me questo esercizio: chiudete gli occhi e annullate ogni pensiero. Cosa provate? Sentite l’energia? È in voi e attorno a voi. Questa è l’energia della vita. Esistete in essa ma non a prescindere da essa. Non esistete fuori da questa energia, ne siete parte integrante.

Avete mai riflettuto su questo? Siamo morte e vita. Niente e tutto. Siamo Nessuno e l’Universo.

Troppo filosofico? Questo è Tony

IMG_20180824_162915.jpg

 

Ti è piaciuto questo post? Allora segui Avocado tree anche su Facebook per altre storie come questa! https://www.facebook.com/Avocadotreesite

Se hai apprezzato questo post puoi anche passare da me per offrirmi un caffè, clicca qui!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...